smartwatch Montablanc Summit

Con il passare degli anni il mercato degli smartwatch è riuscito bene o male a riuscire ad attirare un buon numero di consumatori. Sono davvero tanti gli orologi da polso presenti in commercio che ormai mettono a disposizione dell’utente funzionalità sempre più simili a quelle offerte da un classico smartphone.
In poche parole, il mercato dei dispositivi indossabili, dopo primi anni difficili sembra finalmente aver iniziato a decollare. Ora, dopo aver visto i prodotit di Samsung, Apple e altre aziende importanti, è giunta l’ora di Montablanc, marchio lussuoso legato a prodotti prevalentemente di niccia, come strumenti per scrivere – stilografiche e roba del genere -, gioielli, pelletteria, orologi e molto altro ancora, lanciarsi nel mercato degli smartwatch.
Dopo aver visto i primissim esperimenti messi in atto con e-Strap, non altro che innovativo cinturino che implementare le classice funzioni dei propri orologi meccanici, il marchio di lusso Montblac inaspettatamente ha preso la decisione di proporre sul mercato un dispositivo indossabile dotato del sistema operativo Android Wear 2.0, chiamato Summit e caratterizzato da un lusso che in pochi ad oggi si possono permettere.
Ecco le caratteristiche principali che mette a disposizione il nuovo smartwatch Montablanc Summit:
· Pannello touchscreen con tecnologia AMOLED e diagonale da 1.39 pollici con risoluzione 400×400;
· Processore Snapdragon Wear di Qualcomm 2100;
· Quantitativo di RAM pari a 512MB;
· ROM di 4GB;
· Cardiofrequenzimetro impeccabile;
· Microfono.
In termini di design, invece, lo smartwatch targato Montblanc offre eleganza prima di tutto grazie a materiali di prissima qualità, fino ad arrivare al miglior acciaio inossisabile al titanio presenti sul mercato.
In conclusione, per quanto riguarda i prezzi, i dispositiv indossabili progettata in acciaio partono ad un costo di listino pari a 890 dollari, mentre quelli in Titanio per portarseli a casa bisogna sborsare la cifra di ben 1.020 dollari. Adatto solo a coloro che hanno la materia prima, il denaro.
Fonte: cardiofrequenzimetrodapolso.com

Comments are closed